lunedì 9 marzo 2009

La squadratura del cerchio

Signore e signori, la Ugo Cappellaccio & Co. è lieta di presentarvi la Giunta regionale. Rullo di tamburi, fischino le trombe, ecco a voi la squadra, 4 donne e 7 uomini che ci riportano indietro nel tempo.


Il video di presentazione della Giunta Cappellaccio

Undici elettori pronti a tutto, hanno lottato duramente per riuscire ad esserci, per avere quell'ambita posizione, e ora ne vedremo delle belle. Eccoli a voi, in tutto il loro splendore:

- Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione, Maria Paola Corona (tecnico Forza Italia - Pdl). Nota Ketty, imprenditrice (palazzinara immobiliarista, l'ennesima di questa maggioranza) figlia dell'ex gran maestro del Grande Oriente d'Italia Armando Corona, la Loggia ha sempre dato un forte aiuto a Forza Italia fin dalla sua nascita, lo confermano numerose intercettazioni telefoniche della Digos, intercettazioni che vedono coinvolta anche Ketty Corona. Si tratta di un tecnico, è stata proposta da Giorgio La Spisa. Ketty ha spesso fatto affari con Zuncheddu (ad esempio alla Olbiamare con la IECinque), con cui ha ottimi rapporti, dietro la proposta di La Spisa ci potrebbe essere lui quindi.

- Assessore dell'Igiene e Sanità e dell'Assistenza Sociale, Antonio Angelo Liori (Alleanza Nazionale - Pdl). Antonello è un medico, ha forti legami con le cliniche private sarde, si è sempre interessato della sanità in Sardegna, protestando vivamente (assieme a Giorgio Oppi) quando, durante la Giunta Soru, vedeva ruoli importanti dati a non sardi, e ripetendo più volte che "sarebbe utile per tutti che alle cliniche private sarde si desse la possibilità di erogare servizi di grande qualità soprattutto nei pronto soccorso e nella rianimazione". Non è facile trovare nell'ambiente esperti sardi non legati alle lobby delle cliniche private. Ora vedrete come il caro Antonello metterà ai vertici persone che avranno un occhio di riguardo per la sanità privata. Ma soprattutto farà sfumare l'importante riforma della sanità pubblica portata avanti dalla Giunta Soru. A causa della Giunta Soru ora la Sardegna ha un Piano sanitario regionale (erano 20 anni che nessuna Giunta lo varava), la Giunta Soru ha portato i bilanci della sanità in pareggio, consentendo il finanziamento di ospedali e strutture sanitarie che da anni aspettavano i fondi, ha riordinato l'organizzazione dei servizi ospedalieri, ma l'ha fatto toccando gli interessi dell'offerta privata di prestazioni sanitarie, intrecciati con componenti e persino con leadership politiche locali. Tra le riorganizzazioni dei servizi è prevista la chiusura a Cagliari di vecchi ospedali minori (quello di via Is Mirrionis, il SS Trinità) e l'ammodernamento di altri (Brotzu), adeguandoli ai livelli dei migliori centri europei. Ovviamente questo metterebbe in difficoltà le cliniche private, e noi non lo vogliamo. Grazie alla Giunta Cappellacci non c'è più questo rischio. Liori però sta solo tenendo calda la poltrona per Oppi, lui andrà all'Ambiente, in Barbagia le politiche forestali portano tanti voti.

- Assessore della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport, Maria Lucia Baire (Forza Italia - Pdl). E' ingegnere, da sempre legata alla Chiesa ha organizzato l'arrivo del Papa a Cagliari, quel grande evento che è stato l'inizio della campagna elettorale mia e del centrodestra sardo. Con la benedizione di Giuseppe Mani (è stato il Monsignore a proporla fin dall'inizio), che ha fatto tanto per noi. Grazie a Lucia, da sempre dentro la Chiesa, non mancheranno i contributi alle attività ecclesiastiche, siano esse scuole private o musei o qualunque altra attività della Chiesa. Del resto anche io ho fatto tanto per la Diocesi di Cagliari. Nel Giungno 2004 in qualità di assessore al Bilancio della Giunta Masala stanziai 5 milioni di euro (come se la Regione non fosse già abbastanza indebitata) per il Seminario di Cagliari, e poi da assessore al Bilancio Comune di Cagliari nell'Ottobre 2004 quei soldi li diedi alla Chiesa. Insomma, sarebbe stato un ingrato Monsignor Mani se non ci avesse aiutato nella campagna elettorale.

- Assessore alla Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del Territorio e, ad interim, di Assessore dell'Industria, Giorgio La Spisa (Forza Italia - Pdl). Fa parte del terzetto malefico Oppi-Pili-La Spisa, che per tutti gli anni della Giunta Soru ha portato avanti un forte attacco personale all'ex Presidente, attacchi rivelatisi tutti falsi e che sono valsi ai tre una bella denuncia, poi ritirata per evitare finissero in Tribunale, poveracci. Anche lui come Lucia ha forti legami con la Chiesa, Giorgio è dirigente di Comunione e liberazione. Non mancheranno grazie a Giorgio contributi buttati via qua e la agli amici industriali, appalti dati agli amici industriali ecc. Come è stato nelle Giunte Pili e Masala, in cui ha ricoperto sempre il ruolo di Assessore all'Industria.

- Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale, Maria Valeria Serra (Alleanza Nazionale - Pdl). Riuscirà a ridurre il numero dei disoccupati (che secondo me sono 190mila)? Avrà l'impossibile compito di creare 100mila posti di lavoro, come ho promesso in campagna elettorale e di gestire la formazione, grande pozzo senza fondo in cui gettare soldi pubblici senza nessun beneficio per i cittadini. Grazie ai corsi di formazione però si possono finanziare gli istituti religiosi e gli altri enti che li tengono, fregandosene del fatto che siano totalmente inutili per far trovare un lavoro a chi partecipa. Gli unici posti di lavoro che creano sono quelli degli insegnanti, sempre legati o ai sindacati o alla Chiesa. Soru li aveva ridotti, mantenendo e finanziando quelli per gli operatori socio-sanitari, che sono stati tutti impiegati, trovando lavoro stabile (sono stati infatti regolarizzati e assunti). La Giunta Soru ha ridimensionato notevolmente la formazione professionale, coordinandola con l'istruzione pubblica, smontando tutti quegli enti dominati soprattutto dai sindacati che permettevano ai sindacati stessi di ricevere non pochi soldi pubblici. Grazie a Valeria si tornerà alla vecchia, inutile e costosa formazione, che permetteva di tenere ottimi rapporti con i sindacati e finanziare istituti religiosi.

- Assessore degli Enti Locali, Finanze ed Urbanistica, Gabriele Asunis (Forza Italia - Pdl). Anche Gabriele ha avuto qualche problema con le intercettazioni, in una risultava che la nomina di Lucio Pani a direttore dell'Ufficio tutela del paesaggio della Regione sarda è stata sponsorizzata proprio da Gabriele che ha convinto Mauro Pili a firmare il decreto di nomina. Grazie a Gabriele ora tutto il lavoro fatto nella Giunta Soru per la tutela paesaggistica verrà cancellato, un primo passo lo si sta già facendo. In più Gabriele è un famoso condonatore, nel 2003 recepì interamente la legge sul nuovo condono edilizio, aggiungendovi del suo (circolare n. 2315/DG del 27 ottobre 2003), poi il Tar l'ha dichiarata illegittima. Da Assessore allora il caro Gabriele non mosse mai un dito contro gli abusi edilizi e non lo fara certo oggi, anzi. Torna dunque la politica del mattone e dell'assenza dei controlli, Pdl, Palazzinari delle libertà.

- Assessore dell'Agricoltura e Riforma Agro-Pastorale, Andrea Prato (tecnico Forza Italia - Pdl). Questo assessorato non lo voleva nessuno, l'abbiamo dato al consigliere delegato di Amalattea. E' giusto ricordare che la Amalarrea è in società con la Compagnia delle Opere, quella miracolosa macchina per soldi di Comunione e Liberazione, con interessi nell'industria, nella sanità e nei servizi di assistenza.

- Assessore della Difesa dell'Ambiente, Emilio Simeone (Udc). E' stato direttore generale dell'Asl 7, ma prima di allora è stato direttore della fonderia di San Gavino Monreale e ha diretto gli impianti Eni a Portovesme. Ora da assessore all'ambiente dovrà stanziare i soldi pubblici per pulire i siti da lui inquinati precedentemente. Chi sporca fa pulire con i soldi degli altri, e viene pure pagato. Anche se a dire il vero i soldi non ci sono, visto che il Governo Berlusconi ha cancellato i finanziamenti stanziati per le bonifiche. Comunque il suo è un incarico a scadenza. Giusto il tempo di cambiare le regole e eliminare l'incopatibilità tra l'incarico di assessore e quello di consigliere. Così che Antonello Liori prenda il suo posto, lasciando la Sanità a Giorgio Oppi (l'amico dei baroni e delle cliniche private).

- Assessore dei Trasporti, Liliana Lorettu (Udc). E' professore associato di Psichiatria nella facoltà di Medicina dell'Università di Sassari, lavora al Villaggio San Camillo (clinica privata della periferia di Sassari) nella divisione psichiatrica diretta dal professor Giancarlo Nivoli. Specializzata in Psichiatria clinica e Psichiatria forense è presidente della Società italiana di psichiatria forense e, fino a pochi mesi, è stata coordinatrice sarda della Società italiana di psichiatria. E' alla sua prima esperienza in politica, in un assessorato totalmente estraneo alle sue competenze, vedremo come se la caverà.

- Assessore del Turismo, Artigianato e Commercio, Sebastiano Sannitu (Riformatori). E' il sindaco di Berchidda, a lui l'impossibile compito di portare in Sardegna 20 milioni di turisti entro cinque anni come da me promesso. Le sue competenze lo vedrebbero meglio all'Ambiente, infatti è laureato in scienze forestali ed è docente dell'istituto agrario di Olbia. Inoltre da assessore all'Ambiente della Provincia di Sassari con la sua politica di programmazione ha portato all'approvazione del piano provinciale per i rifiuti, il piano faunistico, il piano stralcio sulla depurazione e per la raccolta differenziata. Ha anche gestito l'emergenza del disastro ambientale causato dalla nave Panam Serena nel 2004 a Porto Torres coordinando i lavori per la bonifica e programmato il piano di tutela delle sugherete con la lotta alla limantria. Da sindaco di Berchidda ha avviato il progetto per portare il fotovoltaico nelle scuole. Insomma, all'Ambiente sarebbe andato benissimo, ma noi siamo strani e l'abbiamo messo al Turismo.

- Assessore dei Lavori Pubblici, Mario Angelo Giovanni Carta (Psd'Az.) Consigliere Provinciale (a Nuoro) e Comunale (a Dorgali). E' stato tra i promotori e sostenitori del Progetto Supramonte (nato nel 2006 dalle ceneri del mai nato Parco nazionale del Gennargentu), progetto che punta a mettere insieme gli oltre 11 mila ettari già in possesso dell'Ente foreste con quelli messi a disposizione dalle amministrazioni comunali (con un bel numero di posti di lavoro a tempo indeterminato nell'Ente foreste come contropartita). In gioco oltre ai posti i lavoro c'è anche il controllo del comitato di gestione del Progetto Supramonte. Ora è ai Lavori Pubblici, un assessorato molto interessante.

- Assessore all'Industria, Andreina Farris (tecnico). Vice prefetto di Cagliari, dove, su indicazione del ministero, è responsabile per le pari opportunità in Sardegna. Tra settembre del 1999 e aprile del 2000 è stata commissario straordinario del comune di Iglesias, in quel periodo le venne offerto un incarico politico nel centrodestra.


Ecco qua, questa è la mia squadra, che ne pensate? Non è forse la migliore possibile? Per il presidente del Consiglio regionale io sto spingendo per Caudia Lombardo, ma c'è quell'Ignazio Artizzu di An che freme per quel ruolo, il grande cacciatore di voti, il distributore automatico di santini elettorali. Vedremo.

4 commenti:

  1. Ma è vero quel che si dice in città, che il compagno di vita del nuovo assessore agli affari generali è S.Z.??

    RispondiElimina
  2. Non mi risulta, Ketty è sposata con un certo Orofino. Qualche anno fa divenne famosa la loro figlia Stefania, una delle tante "parenti" che passarono i concorsi pubblici nel 2003.

    Con Sergio però sono spesso stati compagni in affari, cosa che in questi ambienti conta più dei vincoli matrimoniali.

    Il nostro carissimo Sergio Zuncheddu ha fatto affari con la intraprendente Ketty Corona, ad esempio nel caso della Olbiamare, vendendo varie sue attività alla IECinque Immobiliare di Ketty, Ketty poi trasformò il progetto iniziale accorpando le volumetrie e costruendo palazzoni.

    Il padre di Ketty invece non è in buoni rapporti con Sergio. Armandino buttò fuori Sergio dalla Loggia ai tempi che furono. Magari ora vanno d'amore e d'accordo, chi lo sa, ma in affari contano i profitti non i sentimenti personali.

    Buona settimana.

    RispondiElimina
  3. GRazie delle INFO. Dai un'occhiata anche qui: http://marcotravaglio.mastertopforum.net/viewtopic.php?p=6585#6585

    RispondiElimina
  4. Grazie Generazione V, ne ero già a conoscenza, si tratta di fatti di vari anni or sono, comunque fa sempre piacere rinfrescarsi la memoria.

    Buona giornata.

    RispondiElimina